Soppressa la rappresentanza all’Unesco !!!

Posted: 7th aprile 2014 by rivincitasociale in Cultura e R&S
Commenti disabilitati su Soppressa la rappresentanza all’Unesco !!!

Care compagne, cari compagni,

 Rapido commento dell’articolo: « Spending review, il governo approva il taglio di quattro ambasciate e consolati

Ok dal Consiglio dei Ministri: verranno chiuse le sedi di Honduras, Islanda, Repubblica Dominicana e Mauritania. Soppressa anche la rappresentanza permanente italiana presso l’Unesco a Parigi »http://www.repubblica.it/economia/2014/04/04/news/chiusura_ambasciate_tagli-82723606/?ref=HREC1-9

Soppressa la rappresentanza all’Unesco! Un intollerabile scandalo per un Paese che controlla da solo attorno a un terzo del patrimonio culturale mondiale e che ha contribuito da sempre all’avanzamento della scienza (anche alla Micron). Esempio emblematico: Cosa rimarrà di Pompei senza il ruolo dell’Unesco? La privatizzazione a tutto campo? E poi quella di tutto il resto dei tesori culturali e artistici nazionali?

Speriamo che dal mondo della cultura e della scienza sorgerà un Clamoroso Grande Rifiuto contro questo « ritorno » all’oscurantismo ed alla barbarie. Entra nel progetto di Gutgeld-Renzi di « dislocare, valorizzare, cartolizzare l’Italia », incluso le 3500 aziende pubbliche locali (beni comuni) e i beni culturali (oltre al patrimonio demaniale.) Vedi la critica del libro programma di Gutgeld nella sezione Book Reviews del sito www.la-commune-paraclet.com)

L’attuale governo non è neanche golpista ma post-golpista perché trasversalmente tutte le sue componenti hanno deciso che la Costituzione doveva essere aggirata « mettendoci la faccia » – Italicum, province, Senato, diritti del lavoro, solidarietà nazionale ecc – e poi seppellita con riforme a-costituzionali, per « correre » verso il nuovo « mezzanotte » nietzschiano. Tanto la Corte costituzionale gli ha già assolti con la sua fasulla interpretazione del concetto di continuità dello Stato che normalmente non può avvallare gli effetti di leggi incostituzionali senza esigere che siano corrette. (vedi Appello in http://rivincitasociale.altervista.org)

Paolo De Marco

NB: In Francia, fu recentemente pubblicato un rapporto che dimostra che la cultura ha una incidenza diretta di 3.2 % sul PIL, con un valore aggiunto di 57.8 miliardi di euro nel 2011, impiegando 670 000 persone. E non si tiene conto qui dell’intero moltiplicatore (ad esempio incidenza sul turismo, la reputazione internazionale come fattore di localizzazione ecc.) Vedi http://www.culturecommunication.gouv.fr/Actualites/Missions-et-rapports/L-apport-de-la-culture-a-l-economie-en-France-synthese

Comments are closed.